Quante volte ci hai provato: hai iniziato una dieta. I primi giorni sei andata a mille, contavi i grammi di pasta nel piatto, i cucchiaini di olio da inserire nell’insalata, persino quanti biscotti potevi mangiare a colazione.

Per i primi giorni è andata tutto a gonfie vele. Poi lo stress della vita quotidiana, il lavoro da gestire, la famiglia, magari i bambini, gli amici che chiamano per l’aperitivo e… pouf! Tutto l’impegno è svanito.

Tutto questo per una sola motivazione: mettersi a dieta non è solo una questione di calorie. Sono tanti i fattori che possono influenzare una persona nel suo percorso di cambiamento. Primo fra tutti l’impatto psicologico che questo nuovo stile di vita ha proprio su di te.

Fermati un attimo e riflettici: quante volte hai rinunciato per mancanza di volontà?

Spesso, infatti, non ci si pensa ma l’aspetto principale quando si vuole iniziare un regime alimentare bilanciato e controllato dipende proprio da una molla psicologica che deve scattare nella persona.

E’ un click, una sorta di interruttore, che deve scattare nella tua testa. E che solo tu puoi azionare! E’ quell’interruttore che ti fa dire “adesso è arrivato il momento di mettermi a dieta”.

Quando questo interruttore si aziona è sempre un buon segno perché significa che corpo e mente sono in perfetto allineamento, sono in quell’equilibrio fondamentale per la buona riuscita di un percorso di cambiamento. Significa che entrambi vogliono raggiungere l’obiettivo: quello di cambiare la propria vita!

Molte diete sono destinate purtroppo a fallire ancora prima di iniziare se c’è mancanza di equilibrio tra il corpo e la mente perché si instaura un rapporto controverso con l’alimentazione. Il cibo, infatti, perde la sua connotazione di nutrimento e piacere ma viene vissuto come una compensazione di altre mancanze. Si instaura, quindi, un bisogno che nasce da profondi sensi di colpa e quando questo accade raggiungere l’obiettivo di perdere peso diventa molto difficile.

Imparare a pensare e vedere correttamente il cibo è il primo passo per instaurare un rapporto di equilibrio sano con la propria alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.